• Piattaforma

    Le multiutility lombarde puntano su innovazione e tech

    Smart city ed economia circolare le parole d’ordine, tra progetti e investimenti

    di redazione open innovation | 23 apr 2019

Passaggi pedonali che aumentano l’illuminazione quando qualcuno deve attraversare, cestini ‘intelligenti’ che segnalano quando devono essere svuotati, incremento della raccolta differenziata e recupero della materia, utilizzo della tecnologia digitale per incrementare la sicurezza e l’efficienza dei servizi. È questo il futuro smart, nemmeno troppo lontano, delle città: in particolare di Brescia, Milano e Sondrio che si preparano all’eccellenza grazie ai piani di sviluppo e alle prospettive messe in campo dalle multiutility dei rispettivi territori.

A2A “TEC”: trasformazione, eccellenza e community

Punta decisa sull’innovazione la multiutility di Milano e Brescia A2A: di recente ha approvato il Piano strategico 2019-23 che prevede quattro miliardi di investimenti in cinque anni e ha deliberato un aumento del 22% rispetto alle previsioni del passato, con 680 milioni di euro destinati alla digitalizzazione e all’innovazione tecnologica. In particolare per Brescia, che ospita il termovalorizzatore di A2A, questo significa un tesoretto da 700 milioni di euro.

Tre i punti cardine del Piano Strategico, che si può riassumere nell’acronimo “TEC”, ovvero trasformazione, eccellenza e community. Il primo è l’economia circolare, con raccolta differenziata e recupero della materia in prima linea; il secondo riguarda la transizione energetica, che passa attraverso la decarbonizzazione, una forte crescita delle energie rinnovabili e una riduzione delle emissioni di gas serra; il terzo punto è invece relativo allo sviluppo tecnologico, ovvero all’adozione di tecnologia digitali per rendere i servizi sempre più efficienti e sicuri, con progetti dedicati ai Comuni e ai cittadini e che riguardano l’efficientamento energetico, l’Internet of Things e la mobilità sostenibile.

Sondrio città ‘intelligente’

Anche la nuova società ACSM AGAM, nata dall’aggregazione fra utilities di Como, Monza, Lecco, Sondrio, Varese e con A2A azionista di riferimento e partner industriale, punta sull’innovazione tech con progetti da proporre a enti pubblici, imprese e cittadini. In particolare, a Sondrio si pensa a servizi come la gestione dell’illuminazione, gli interventi di efficientamento energetico degli edifici, la realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici e sistemi di teleriscaldamento, a servizi da vera e propria “smart city” e legati all’applicazione delle nuove tecnologie per migliorare i servizi all’interno di città e piccoli centri. Come i passaggi pedonali che aumentano l’illuminazione quando qualcuno deve attraversare, cestini nelle vie e nei parchi che segnalano automaticamente quando è ora di svuotarli, sistemi per aprire e chiudere gli spazi pubblici in modo programmato, applicazioni di telemedicina per garantire maggiore tranquillità alle persone bisognose.

 

I nostri canali social
go to top