• Immagine della discussione

    Progetto ArtIDe

    di redazione open innovation

Le artriti infiammatorie croniche sono malattie autoimmuni che colpiscono il 2% della popolazione. Esse possono presentare forme diverse per gravità: grave patologia dell'osso e erosione della cartilagine, con progressione che può produrre deformità e infermità, accelerata aterosclerosi e gravi patologie cardiovascolari. Diagnosi precoce e trattamento tempestivo sono essenziali per la prevenzione di danni articolari irreversibili e conseguente progressiva disabilità del paziente.


I marcatori attuali non sempre riescono a individuare le forme degenerative della malattia. Il progetto ha l’obiettivo di identificare, validare e caratterizzare nuovi marcatori proteici e genetici per artrite cronica sieronegativa, sfruttando tecnologie avanzate. Inoltre il progetto intende sviluppare un saggio diagnostico non invasivo basato sulla combinazione dei nuovi marcatori identificati. Il saggio rappresenta un prodotto altamente innovativo destinato al mercato dei saggi diagnostici in vitro (IVD) per malattie autoimmuni.


Il raggiungimento degli obiettivi del progetto consentirà agli istituti clinici l’utilizzo di un nuovo strumento diagnostico per facilitare il trattamento dell’artrite cronica infiammatoria sieronegativa.


Industria della Salute

salute – benessere,qualità della vita,Salute,Benessere

Capofila:

Technogenetics srl

Impatto territoriale:

L’identificazione di nuovi marcatori proteici e genetici consentirà l’acquisizione di nuova conoscenza dei meccanismi molecolari della malattia e avanzamento nella medicina personalizzata e di precisione. Il costo sociale delle artriti è elevato, per la sola artrite reumatoide Regione Lombardia spende all’anno da 355 a 10,067 euro per paziente, per terapie sintetiche o biologiche.

Impatto sulla S3:

Il progetto impatta sull’AdS IS 5: Sviluppo di metodi innovativi per diagnosi precoce di patologie, incluse le malattie rare e le malattie neurodegenerative, e possibilmente lo sviluppo di nuovi farmaci. L’obiettivo è di permettere, nel lungo termine, l’ottimizzazione nella diagnosi e nel trattamento di patologie croniche a elevato peso sociale con riduzione significativa dei costi diretti/indiretti.


go to top