L'intervista

16 ottobre 2020


Intervista a Elena Zambon, presidente Zambon S.p.A. 

 

L’innovazione, certo, come focus costante dello sviluppo dell’azienda, e la multidisciplinarietà. Ma anche l’attenzione alle risorse umane, e spazi di lavoro non anonimi che trasmettano quello human touch che ritiene fondamentale. 



Questi i valori che devono orientare una moderna cultura d’impresa secondo Elena Zambon, presidente della multinazionale Zambon e cioé di un gruppo che conta una presenza in 20 Paesi con filiali in Europa, America e Asia e quasi tremila collaboratori in tutto il mondo. 



Collaboratori, più che dipendenti: un altro asset nella filosofia di questa imprenditrice. Laureata in Economia Aziendale all’Università Bocconi, Cavaliere del Lavoro, Elena Zambon siede nel CdA dell’IIT - Istituto Italiano di Tecnologia, è Vicepresidente di Aspen Institute Italia, Board Member e Vice Presidente di FBN (il network internazionale del Family Business), oltre a far parte dell’Advisory Board della School of Management del Politecnico di Milano e del Campaign Board dell’Università Bocconi.


In questa video intervista ci parla delle conseguenze della pandemia sul lavoro, delle azioni necessarie in Italia per favore R&I come volano di ripresa, del progetto di e-Health ParkinsonCare avviato durante il lockdown (tra i finalisti del Pharma Awards Europe 2020 e del PDHA2020 - Patients' Digital Health Awards).


E ancora, del campus scientifico OpenZone di Bresso, una realtà unica nel suo genere che punta su innovazione aperta e raccordo tra ricerca di base e applicata, oltre che di una cultura di impresa che guarda al futuro, a partire dai valori ereditati dal passato.



Guarda la video intervista:

1 contributo

Franco Crippa

19/10/2020 alle 09:31

Intervista molto interessante, veramente apprezzabile l'equilibrio fra tecnologia, innovazione e relazioni sociali. grazie.

go to top